27 febbraio 2020 13:00

Noma Dumezweni prende il timone della Dance Gazette di febbraio

La Royal Academy of Dance presenta Noma Dumezweni, la prime di tre editor ospiti che nell’anno del centenario firmeranno la Dance Gazette

Photo: Rachel Smith

La premiata attrice Noma attinge da una serie di argomenti che hanno contribuito a modellare il modo in cui Noma vede il mondo e la sua forma d’arte. Dall’importanza del mentoring, all’esplorazione di come i ballerini si preparano e provano, fino a come la danza può avere un impatto positivo sul trauma. La pubblicazione di Noma fa luce sull’interconnettività della danza e di altre forme d’arte e sul significato della rappresentazione.

“Ero elettrizzata quando l’editore David Jays mi ha chiesto di pubblicare la Dance Gazette”, ha spiegato Noma. “Ho abbastanza in comune con artisti in un campo diverso dal mio? La mia risposta di istinto è stata troppo semplicistica? Ma, avendo a che fare con David, è diventata più solida.”

Quando si avvicinò al compito di riempire le pagine di Dance Gazette con storie che avrebbero ispirato, Noma la riportò a qualcosa a cui tutti possono relazionarsi: “The Body. Il nostro corpo. Le storie che tutti possiamo raccontare, se ci prendiamo il tempo di onorare ogni ricordo e speranza, graffi e pensieri, in questo involucro divino (la mia parola). Il corpo è come ci muoviamo attraverso il mondo, nella gioia e nel dolore. Io celebro il mio nel mio lavoro. Ma è onesto? Ogni personaggio che interpreto sarebbe d’accordo con le mie scelte? Sono affascinata da come ci muoviamo tutti nel mondo. Spero che le storie condivise in questo numero risuonino con te.”

David Jays, redattore di Dance Gazette, ha dichiarato: “È stata una gioia avere Noma come primo editor ospite. È affascinante vedere la danza attraverso gli occhi di un’attrice protagonista. Adoro anche l’impegno appassionato di Noma con il mondo. Usa la sua voce per il bene e per il cambiamento positivo e porta la stessa curiosità e calore nella Dance Gazette.”

Chi è Noma

Nata in Swaziland da genitori sudafricani, Noma era originariamente arrivata nel Regno Unito come rifugiata. Nel 2006 ha vinto un Olivier Award per il suo ruolo in A Raisin in the Sun. Ha anche recitato nel ruolo di Hermione Granger nella serie originale di West Pot e Broadway di Harry Potter e il Maledetto bambino, che le è valso un secondo premio Laurence Olivier e una nomination al Tony Award.

Acquista la tua copia o iscriviti a Dance Gazette

Chi è Dario Calmese

Posto tra arte, moda e mondo accademico, Dario è un artista, scrittore, regista e consulente di marchi attualmente residente a New York City. Ha conseguito il master in fotografia presso la School of Visual Arts e la laurea in psicologia alla Rockhurst University di Kansas City. Di formazione classica nelle arti dello spettacolo, usa la sua conoscenza del movimento, dei gesti e della psicologia per creare personaggi e narrazioni complesse che esplorano la storia, la razza, la classe e ciò che significa essere umani.

Le sue opere artistiche sono state esposte sia a livello nazionale che internazionale (Aperture Gallery (NYC), Jack Shainman (NYC), National Museum of Turkmenistan). Dario fa parte del comitato consultivo di The Museum @ FIT ed è un ex compagno di idee al New Museum di New York City. È uno scrittore collaboratore di The Huffington Post, The Daily Beast e The Business of Fashion ed è attualmente membro del New York Urban Design Forum. Più di recente Dario ha curato Fashioning the Black Body (2019) e la sua direzione dello spettacolo per il marchio di moda Pyer Moss è stata salutata sul New York Times come il “miglior spettacolo del Fashion Month”.

I suoi scritti saranno presenti in un prossimo libro per il Cooper Hewitt Smithsonian Design Museum, pubblicato da Rizzoli nel 2020.

www.dariocalmese.com

Dance Gazette Commemorative Folder

Acquista la commemorative folder in edizione limitata.
scopri di più